sassari     venezia     ragusa     foggia     salerno     milano     torino     perugia     genova     taranto     napoli     lecce     pesaro urbino     ancona     ascoli piceno     padova     brescia     catania     pescara     l'aquila     roma     reggio calabria     bari     bologna     firenze     savona     palermo     vicenza     verona     udine  

  verona     ancona     reggio emilia     parma     catanzaro     l'aquila     padova     chieti     caserta     varese     genova     treviso     bari     taranto     milano     pisa     lodi     bologna     modena     avellino     roma     lecce     vicenza     pesaro urbino     napoli     reggio calabria     la spezia     brescia     cosenza     catania  

  vicenza     ancona     roma     milano     terni     ascoli piceno     pescara     venezia     bari     perugia     genova     napoli     palermo     bologna     caserta     Repubblica San Marino     catania     verona     arezzo     udine     brescia     padova     torino     modena     rimini     firenze     teramo     bergamo     pavia     varese  

Banner Dental

Ortodonzia.com Corsi Ancona (AN)

TRATTAMENTO DELLE DISFUNZIONI DELL'ATM E DEL SISTEMA CRANIO MANDIBOLARE CON TECNICA NEUROMUSCOLARE

MODULO I VENERDI 30 NOVEMBRE SABATO 01 DICEMBRE 2007 MODULO II VENERDI 25 GENNAIO SABATO 26 GENNAIO 2008 Durante i due moduli di due giorni di lezione, verranno introdotti i presupposti filosofici e metodologici fondamentali che ispirano ed indirizzano l’approccio terapeutico neuromuscolare avanzato nel campo odontoiatrico. Il patrimonio culturale derivato dalle precedenti esperienze formative verrà integrato ed ampliato mediante l’indicazione di percorsi metodologici atti a far acquisire le abilità manuali utili a: valutare ed inquadrare le principali problematiche stomatognatiche connesse alle interferenze muscolari. valutare ed inquadrare le influenze funzionali in grado di condizionare le recidive ortodontiche definire, in collaborazione con i Medici Odontoiatri e gli Specialisti in Odontoiatria ed Odontostomatologia, Sinergie di trattamento utili al ripristino funzionale dell’articolazione temporo-mandibolare e della muscolatura linguale. Il corso proporrà integrazioni ed ampliamenti delle nozioni basilari di anatomia e biomeccanica articolare dell’apparato stomatognatico; ampio spazio verrà destinato ad esercitazioni pratiche con esecuzione diretta dei tests e delle tecniche da parte dei partecipanti guidati da tutor. Il percorso metodologico si completerà con approfondimenti critici, lavoro a piccoli gruppi su problemi e casi clinici, presentazione di problemi e casi clinici in seduta plenaria e dibattiti con il docente. Particolare attenzione verrà posta sull’analisi approfondita delle tecniche di valutazione palpatoria dei tessuti e delle strutture articolari, delle metodiche avanzate di screening e di trattamento manuale delle disfunzioni muscolari utilizzando peculiari metodiche manipolative caratterizzate da rigorose competenze tecniche e prudenza professionale nella sistematica ricerca di accuratezza, comfort e precisione. Modalità di partecipazione: Il corso è riservato a laureati in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria Sede del corso: Via Feltrini 23/1 Senigallia (AN) Tel. Fax 071.60122 E-mail gianlucafratini@libero.it Orario corsi: Il corso si svolgerà nelle giornate di venerdi e sabato dalle 9.00 alle ore 12.30 e dalle 14.00 alle 18.30. Costo complessivo del corso è di Euro 500,00 (+ iva 20% = 600,00) € 150,00 + iva come caparra entro il 23 novembre 2007 € 350,00 + iva al primo incontro Per l’iscrizione compilare scheda, allegando assegno (non trasferibile) intestato a Gianluca Fratini, oppure ricevuta dell’avvenuto bonifico, intestato a Gianluca Fratini presso Banca Carifano AG. 6 via Canale Albani, 5 61032 Fano ABI 06145 CAB 24303 C/C 10097 Da inviare a Gianluca Fratini via Feltrini 23/1 60019 Senigallia (AN) o fax 07160122 o mail gianlucafartini@libero.it I seminari hanno carattere rigorosamente propedeutico e sono a numero limitato di posti.

  • Sig. Fratini Gianluca Osteopata
  • corso
  • Senigallia (an)
  • Inizio: 2007-11-30 00:00:00 - Fine: 2008-01-26 00:00:00
  • Telefono: 3384539735 | Fax: gianlucafratini@libero.it

`Il stistema Stomatognatico nel contesto posturale`

La conoscenza delle correlazioni occluso-posturali stà portando l’odontoiatria ad una svolta importante nella diagnosi e nella terapia delle disfunzioni del Sistema Stomatognatico. Un’approccio “sistemico” ed integrato necessita di uno sforzo culturale ed interpretativo non indifferente in quanto per qualunque medico, e per l’odontoiatra in particolare, pensare in maniera “sistemica” significa uscire dal proprio orticello, rispolverare concetti dimenticati e scoprirne di nuovi. Ci vuole coraggio perché il farlo può portare a mettere in discussione o addirittura a modificare radicalmente il nostro “modus operandi”. L’obbiettivo principale di questo corso informativo è quello di proporre un modello interpretativo ed un protocollo diagnostico e terapeutico alle problematiche stomatognatiche in un contesto allargato, quello della postura corporea globale. Scopriremo come il Sistema stomatognatico sia un elemento fondamentale del suo equilibrio, in grado di influenzarla ma anche di venirne a sua volta condizionato. I vantaggi saranno costituiti dal fatto che potremo sapere se i nostri trattamenti hanno effettivamente giovato ai pazienti e non solo dal punto di vista estetico; dal fatto che potremo valutare le diverse tecniche ortodontiche o riabilitative in generale, in modo obbiettivo, in base ai risultati ottenuti sul piano globale; dal fatto che la recidiva non sarà più una sgradevole sorpresa ma un fenomeno prevedibile e prevenibile. Attraverso un’approfondita diagnosi clinica, radiologica, strumentale, dei modelli si arriverà al concetto cardine di Relazione Centrica Funzionale da cui partire per impostare il programma riabilitativo ortodontico e/o protesico nel rispetto dello schema cranio-posturale individuale. IL CONVEGNO E' GRATUITO, E' OBBLIGATORIO L'ISCRIZIONE CONFERMARE TARMITE E-MAIL O FAX AL 0276275300 E-MAIL dlmedica@dlmedica.it

  • Dr. Giuseppe Stefanelli MFT Fratini Gianluca
  • convegno
  • senigallia hotel City dalle 8.30 alle 14.00 (an)
  • Inizio: 2007-06-09 00:00:00 - Fine: 2007-06-09 00:00:00
  • Telefono: il convegno è limitato a 100 p | Fax: dlmedica@dlmedica.it

CORSO TECNICA LINGUALE

Questo corso è rivolto a coloro che desiderano familiarizzare con una tecnica linguale che permetterà loro di risolvere casi semplici. · Programma per Corso di Tecnica Linguale · L´estetica in Ortodonzia · Storia dei bracket linguali I Brackets Linguali Principi e limiti dei brackets Linguali Dimensioni dei brackets linguali · Brackets a inserzione vertico-assiale 2D Caratteristiche fondamentali di un Bracket 2D · Apertura e chiusura dei brackets 2D Meccanica dei fili · Archi a memoria di forma · Fase Martensenica - Fase Austenica · Le temperature di trasformazione. · I trattamenti termici degli archi a memoria di forma e procedimenti termomeccanici. · Forme degli archi linguali di base · Scelta appropriata di un arco · Inserimento delle pieghe di 1° o di 2° ordine sugli archi (esercitazione) · Clinical Bonding · La pulizia della superficie linguale · I compositi e la loro adesività sulla superficie linguale · I problemi della cementazione · la rifinitura del bonding, · il rifissaggio dei brackets staccati, il debonding problemi di irritazione linguale e di fonetica applicazione dell´ arco da lavoro applicazione di elastici o di trazioni elastiche Biomeccanica 2D Biomeccanica ortodontica confronto vestibolare linguale · Biomeccanica, i centri di resistenza · Controllo dell´intrusione · Controllo dell´estrusione · Controllo delle rotazioni · Controllo delle inclinazioni · Controllo del torque · Livellamento della curva di Spee · Biomeccanica ortodontica labio-linguale per uprighting dei molari inferiori · Ausiliari nella tecnica linguale Indicazioni al Trattamento: Case Report con Bracket Linguali 2D · Affollamenti dell´ Arcata Superiori o Inferiore · Risoluzione di Inversioni Semplici del Morso · Chiusura di Spazi o Diastemi Anteriori · Intrusione dei Denti Frontali Superiori o Inferiori Casi di Estrazione di un Singolo Incisivo Inferiore Esercitazioni pratiche Applicazione dei bracket su modello in gesso e modellazione degli archi Materiale per i corsisti Confezione di bracket2D (10 pz) Pinza di Weingart Pinza 139 per fili sottili Spatola doppia sottile

  • Dr.Bombardelli Marina Dr. Ostinelli Enrico
  • corso
  • Ancona (an)
  • Inizio: 2007-06-08 00:00:00 - Fine: 2008-06-09 00:00:00
  • Telefono: 0712071742 | Fax: dentalcampus@libero.it

CORSO DI I LIVELLO DI ORTODONZIA

Indicato per medici o odontoiatri che vogliano avvicinarsi all’ortodonzia. Si intende portare ad una conoscenza della diagnosi e dell’impostazione della terapia in maniera semplice, così da permettere ai partecipanti di intercettare un problema in modo mirato. Verranno affrontate le terapie riguardanti le 3 classi scheletriche e dentali, sia con apparecchiature ortopediche che multibrackets. Con particolare interesse si affronteranno problemi respiratori, posturali e mioterapici considerati ormai delle terapie ortodontiche a tutti gli effetti. Verrà data un’ampia panoramica sulle metodiche ortodontiche attualmente in uso, per permettere un corretto utilizzo delle stesse. Nel I° livello viene compreso il paziente adulto, che sempre più spesso richiede trattamenti ortodontici a fini estetici, con l’uso di apparecchiature invisibili. Il corso si svolgerà per un periodo di 5 incontri di due giorni ciascuno. L’obbiettivo è di fornire ai partecipanti le nozioni di base per poter avvicinarsi ai trattamenti ortodontici. PARTE TEORICA: impostazione della disgnosi ortodontia, valutazione estetica del paziente, scelta dell’apparecchiatura opportuna, durata media del trattamento. PARTE PRATICA: esecuzione dei tracciati cefalometrici latero laterali (Rickets e Giannì), postero anteriori (Giannì), analisi dei modelli, applicazione su modelli di apparecchiature fisse (vestibolari o linguali), modellazione degli archi da applicare, costruzione dei supporti ausiliari per il corretto svolgimento di una terapia. Marina Bombardelli Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Pavia nel 1982. Specializzata in Odontostomatologia nel 1985 e in Ortognatodonzia Funzione Masticatoria nel 1997, presso la II° Facoltà di Medicina e Chirurgia di Pavia, sede di Varese. Professore a Contratto presso l’Università dell’Insubria dall’anno 2000 fino ad oggi. Socia SIDO dal 1985. Ha partecipato a numerosi corsi sia tenuti dall’Università che dalle società di ortodonzia. Frequenta la Clinica di Odontostomatologia e Ortognatodontica della Università dell’Insubria dal 1993. Enrico Ostinelli Laureato in Medicina e Chirurgia a Pavia nel 1980, tirocinio ospedaliero post-laurea presso l’ospedale di Circolo di Varese nel 1981, specializzato in Odontoiatria a Milano nel 1985, specializzato in Ortognatodonzia e Funziona Masticatoria presso la II° Facoltà di Medicina e Chirurgia di Pavia, sede di Varese, cultore della materia odontoiatrica dal 1996 presso la II° Facoltà di Medicina e Chirurgia di Pavia, sede di Varese, professore a Contratto presso la Scuola di Specialità in Ortognatodonzia dal 1996 al 2001. Socio ordinario SIDO dal 1985. Autore di circa 75 pubblicazioni inerenti all’ortodonzia. Attualmente svolge l’attività libero professionale presso il proprio studio a Como, occupandosi esclusivamente di Ortodonzia. DIAGNOSI E PIANIFICAZIONE DEL TRATTAMENTO • Introduzione al Corso • Breve storia dell'Ortodonzia • I° visita del paziente Controllo Odontoiatrico normale (igiene orale, carie, parodonto, denti mancanti, inclusi o trasposti) Controllo situazione obbiettiva ortodontica (analisi estetica, respiratoria, fonatoria, controllo frenuli) Radiografie: Ortopantomografia, Teleradiografia (in tutte le sue proiezioni), radiografia del carpo ed eventuali radiografie endo-orali. Presa delle impronte, registrazione del morso in cera e costruzione dei modelli museo. Necessità di eventuali esami supplementari, TAC, nuova diagnostica per immagini. • Valutazione degli esami radiografici effettuati: Analisi cefalometrica (Ricketts, Giannì, etc.) Lettura del tracciato cefalometrico con diagnosi di crescita scheletrica • Valutazione dei modelli, definizione della classe dentale e delle discrepanze (dento dentali, dento alveolari, controllo degli spazi: • Formulazione della diagnosi ortodontica. PARTE PRATICA Esecuzione dei tracciati cefalometrici e rispettiva lettura. Materiali necessari: visore per radiografie, acetati, matita, template + goniometro. PAZIENTI IN CRESCITA TERAPIA DELLE I° CLASSI SCHELETRICHE • Terapia delle discrepanze dentali, trasversali e sagittali nei pazienti in crescita (Lip-bumper, Quad helix, Disgiuntore). • Terapia delle discrepanze verticali. • Descrizione delle varie apparecchiature disponibili, caratteristiche e funzionamento TERAPIA DELLE II° CLASSI SCHELETRICHE • Descrizione degli attivatori, differenze di utilizzo e risultati ottenibili (Doppia placca di Sander, Monoblocco, Frankel, Bionator, etc). • TEO standard o tipo Cervera • Terapia delle discrepanze verticali (Griglie, Dissuasori, Condolino di Sander e Teuscher) • Terapia dei pazienti border line, quasi a fine crescita (Cerniera di Herbst, etc.) TERAPIA DELLE III° CLASSI SCHELETRICHE • Placche di Falconi • Maschera di Delaire PARTE PRATICA Scelta e inserimento di una TEO, applicazione della forza di trazione e sua direzione. Costruzione e applicazione di un lip-bumper e barra trans palatale. TERAPIA ORTODONTICA CON APPARECCHIATURE FISSE MERCEOLOGIA DELLE APPARECCHIATURE • Descrizione dei vari tipi di fili ortodontici e loro proprietà (acciaio, TMA, Nickel-titanio) • Descrizione delle tecniche più usate: scelta delle bande e dei brackets, cementazione e bonding. • Biomeccanica di base • Fasi del Trattamento ortodontico fisso. USO DELLE APPARECCHIATURE AUSILIARIE SECONDO LA CLASSE DENTALE • Gig • Bracci di Intrusione • Power arm • Distalizzatori monoarcata di vario genere PARTE PRATICA Applicazione di una apparecchiatura fissa, costruzione degli ausiliari e loro applicazione in bocca. TERAPIA ORTODONTICA DELL’ADULTO • Diverso approccio diagnostico: quando le estrazioni • Ortodonzia preprotesica • Ortodonzia prechirurgica • Elementi dentali inclusi e loro trattamento • Trasposizioni dentali • Cenni di ortodonzia linguale • Storia delle apparecchiature. • Merceologia. • Trattamento di casi semplici. • Utilizzo di apparecchiature invisibili alternative. • Trasposizioni dentali PARTE PRATICA Applicazione di una apparecchiatura linguale semplice e uso dei fili a memoria di forma. Le date del Corso sono : I INCONTRO 4-5 MAGGIO 2007 II INCONTRO 8-9 GIUGNO 2007 III INCONTRO 6-7 LUGLIO 2007 IV INCONTRO 21-22 SETTEMBRE 2007 V INCONTRO 12-13 OTTOBRE 2007

  • Dr. Marina Bombardelli Università degli Studi dell'Insubria, Varese Dr. Enrico Ostinelli Libero Professionista
  • corso
  • Ancona (an)
  • Inizio: 2007-05-04 00:00:00 - Fine: 2007-10-13 00:00:00
  • Telefono: 0712071742 | Fax: dentalcampus@libero.it

CORSO DI I° LIVELLO di ORTODONZIA

CORSO DI I° LIVELLO di ORTODONZIA I INCONTRO 4-5 MAGGIO 2007 II INCONTRO 8-9 GIUGNO 2007 III INCONTRO 6-7 LUGLIO 2007 IV INCONTRO 21-22 SETTEMBRE 2007 V INCONTRO 12-13 OTTOBRE 2007 Docenti del Corso: Dr Bombardelli Marina*, Dr. Ostinelli Enrico** * Università degli Studi dell’Insubria, Varese **Libero Professionista Obbiettivi del corso: Indicato per medici o odontoiatri che vogliano avvicinarsi all’ortodonzia. Si intende portare a una conoscenza della diagnosi e dell’impostazione della terapia in maniera semplice, così da permettere ai partecipanti di intercettare un problema in modo mirato. Verranno affrontate le terapie riguardanti le 3 classi scheletriche e dentali, sia con apparecchiature ortopediche che multibrackets. Con particolare interesse si affronteranno problemi respiratori, posturali e mioterapici considerati ormai delle terapie ortodontiche a tutti gli effetti. Verrà data un’ampia panoramica sulle metodiche ortodontiche attualmente in uso, per permettere un corretto utilizzo delle stesse. Nel I°livello viene compreso il paziente adulto, che sempre più spesso richiede trattamenti ortodontici a fini estetici, con l’uso di apparecchiature invisibili. Il corso si svolgerà per un periodo di 5 Incontri di due giorni ciascuno L’obbiettivo è di fornire ai partecipanti le nozioni di base per poter avvicinarsi ai trattamenti ortodontici. Parte teorica: impostazione della diagnosi ortodontia, valutazione estetica del paziente, scelta dell’apparecchiatura opportuna, durata media del trattamento. Parte pratica: esecuzione dei tracciati cefalometrici latero laterali (Rickets e Giannì), postero anteriori (Giannì), analisi dei modelli, applicazione su modelli di apparecchiature fisse (vestibolari o linguali), modellazione degli archi da applicare, costruzione dei supporti ausiliari per il corretto svolgimento di una terapia. I Incontro: -Introduzione al corso, breve storia dell’ ortodonzia -I° visita del paziente: -Controllo odontoiatrico normale (igiene orale,carie,parodonto,denti mancanti, inclusi o trasposti) -Controllo situazione obbiettiva ortodontica (analisi estetica, respiratoria, fonatoria, controllo frenuli). -Radiografie: Ortopantomografia, Teleradiografia (in tutte le sue proiezioni), Radiografia del Carpo ed eventuali radiografie endo-orali. -Presa delle impronte, registrazione del morso in cera e costruzione dei modelli museo. -Necessità di eventuali esami supplementari, TAC elettromiografia ecc. -Valutazione degli esami radiografici effettuati -Analisi cefalometrica (Ricketts e Giannì etc.) -Lettura del tracciato cefalometrico con diagnosi di crescita scheletrica -Valutazione dei modelli, definizione della classe dentale e delle discrepanze (dento-dentali, dento alveolari, controllo degli spazi) -formulazione della diagnosi Ortodontica. Parte Pratica: esecuzione dei tracciati cefalometrici e rispettiva lettura. Materiali necessari: visore per radiografie, acetati, matita, template+goniometro, modello in gesso. II Incontro: pazienti in crescita -Terapia delle I° classi scheletriche -Terapia delle discrepanze dentali, trasversali e sagittali nei pazienti in crescita (lip-bumper, quad elix, disgiuntore). -Terapia delle discrepanze verticali. -Descrizione delle varie apparecchiature disponibili, caratteristiche e funzionamento Terapia delle II° classi scheletriche -Descrizione degli attivatori, differenze di utilizzo e risultati ottenibili (Saltamorso, Monoblocco, Frankel, Bionator etc). -TEO standard e tipo Cervera -Terapia delle discrepanze verticali ( Griglie, Dissuasori, Condolino di Sander e Teuscher) -Terapia dei pazienti border line, quasi a fine crescita (Cerniera di Herbst etc.) Terapia delle III° classi scheletriche -Placche di Falconi -Maschera di Delaire Parte pratica: Scelta e inserimento di una TEO, applicazione della forza di trazione e sua direzione. Costruzione e applicazione di un lip-bumper e barra trans palatale. Materiali necessari: TEO + trazioni esterne - filo acciaio 1,1 per lip bumper, filo acciaio 0.9 per barra trans palatale - Pinze: tronchese per fili grossi, pinza di young o 139 per fili grossi, pinza De la Rosa -Modello in gesso III° Incontro Terapia ortodontia con apparecchiature fisse: Merceologia delle apparecchiature: - Descrizione dei vari tipi di fili ortodontici e loro proprietà: acciaio, TMA, nickel-titanio - Descrizione delle tecniche più usate:scelta delle bande e dei brackets, cementazione e bonding - Biomeccanica di base - Fasi del Trattamento ortodontico fisso. Uso delle apparecchiature ausiliarie secondo la classe dentale - Gig - Bracci di Intrusione - Power arm - Distalizzatori monoarcata di vario genere Parte pratica: applicazione di una apparecchiatura fissa, costruzione degli ausiliari e loro applicazione in bocca. Materiali necessari: N°1 bocca di brackets (tecnica di Rickets) -N°4 bande da adattare sul modello in gesso -Fili in acciaio 0.16,0.18x022. -Pinze: pinza 139 per fili sottili, pinza per legature, strumento di utilità, tronchesino per fili sottili -Modello in gesso IV° Incontro: Terapia ortodontica dell’adulto: - Diverso approccio diagnostico: quando le estrazioni - Ortodontia preprotesica - Orotdonzia prechirurgica -Elementi dentali inclusi e loro trattamento -Trasposizioni dentali Parte pratica: Costruzione molle a Ballista - molle per uprighting e loro applicazione e funzionamento. Materiali necessari: -Fili super elastici 018x022 – Filo TMA 0.16 – archi in acciaio 0.18x022 -stumenti dell’esercitazione precedente V° incontro: Ortodontia linguale + Invisalign: - Storia delle apparecchiature - Merceologia - Trattamento di casi semplici - Utilizzo di apparecchiature invisibili altenative Parte pratica: Applicazione di una apparecchiatura linguale semplice e uso dei fili a memoria di forma Materiali necessari: N° 1 busta di Brackets Philippe (10 pz.) - Archi superelastici preformati linguali da adattare al modello - Pinza 139 e tre becchi per fili sottili - Doppia spatola piccola - Pinza Weingard - Strumento di utilità - Pinza college normale - Modello in gesso Al termine di ogni incontro o giornata i relatori sono a disposizione per eventuali approfondimenti dare inoltre la possibilità ai corsisti di portare propri pazienti per discutere,impostare o iniziare le terapie

  • Dr Bombardelli Marina*, Dr. Ostinelli Enrico** Curriculum: Dr.Bombardelli Marina: Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Pavia nel 1892. Specializzata in Odontostomatologia nel 1985 e in Ortognatodonzia Funzione Masticatoria nel
  • corso
  • Ancona (an)
  • Inizio: 2007-05-04 00:00:00 - Fine: 2007-10-13 00:00:00
  • Telefono: 07157794 | Fax: dentalcampus@libero.it

CORSO AVANZATO DI ORTODONZIA

Fornire ai partecipanti le tecniche cliniche specialistiche dell’ortodonzia per trattare casi interdisciplinari complessi. Illustrare in modo esaustivo le attuali sequenze terapeutiche nelle diverse malocclusioni ed i rapporti con parodontologia, implantologia, protesi, conservativa e chirurgia maxillo-facciale. Oltre alla teoria, ampio spazio verrà dato alle esercitazioni pratiche in cui i partecipanti potranno mettere in atto con le proprie mani quanto appreso durante le lezioni teoriche. I° Incontro (Correzione dell’OVB e chiusura degli spazi) 16-17/02/2007 Terapia ortodontica fissa con tecnica segmentata · La segmentazione delle arcate · L’ancoraggio · L’impiego delle anse in ortodonzia. · Correzione del morso profondo secondo la tecnica segmentata: · Arco di base, arco di utilità, leve. Scelta del punto di applicazione della forza. Principi biomeccanici ed applicazioni cliniche · Parte pratica: Fabbricazione di anse, archi di utilità, leve su typodont. Chiusura degli spazi post-estrattivi: · Sistemi frizionanti, non-frizionanti, T-loops, PG springs, power arms e sentalloy springs. Retrazione canina ed en masse. Meccaniche linguali, sistemi a cerniera secondo Fontenelle. Principi biomeccanici ed applicazioni cliniche. · Parte pratica: Fabbricazione di power arms su typodont. Correzione del torque secondo la tecnica segmentata · Parte pratica: Fabbricazione di archi da torque su typodont. Correzione delle linee mediane secondo la tecnica segmentata Correzione delle asimmetrie dentali secondo la tecnica segmentata Discussione casi clinici dei partecipanti II° Incontro (Terapia ortodontico-chirurgica dei denti inclusi e trasposti) 23-24/03/2007 Le inclusioni dentarie · Definizione · Epidemiologia · Eziologia · Diagnosi · Esame clinico · Esami radiografici · Terapia chirurgica · Terapia ortodontica Inclusione dei canini mascellari · Inclusione vestibolare · Inclusione palatale Inclusione dei centrali mascellari Inclusione dei canini mandibolari Inclusione dei premolari Inclusione dei molari Parte pratica: Fabbricazione di leve per il recupero di denti inclusi su typodont. Le trasposizioni · Definizione · Epidemiologia · Eziologia · Diagnosi · Esame clinico · Esami radiografici · Terapia ortodontica Discussione casi clinici dei partecipanti III° Incontro (Terapia ortodontica dell’adulto) 28-29/05/2007 Il trattamento ortodontico di pazienti adulti · La risposta biologica del paziente adulto · Estetica del gruppo frontale superiore · Il piano di trattamento multidisciplinare Rapporti tra ortodonzia e parodontologia · Nozioni di anatomia del tessuto parodontale profondo e superficiale · Concetti di biomeccanica applicata ai pazienti parodontali · Aspetti moderni della profilassi nel paziente ortodontico parodontale · Obiettivi del trattamento ortodontico nel paziente parodontale: indicazioni e limiti · Considerazioni muco-gengivali · L’importanza dell’ancoraggio · Trattamento ortodontico dei pazienti adulti con grave compromissione parodontale: · sistemi di rinforzo dell’ancoraggio (iron-cross, legatura zigomatica, impianti osteointegrati, miniviti) · programmazione biomeccanica · Tecniche di stabilizzazione Parte pratica: Fabbricazione ed inserimento di un lip bumper. Esercizi al typodont. Discussione casi clinici dei partecipanti IV° Incontro (Terapia ortodontico-chirurgica) 13-14/07/2007 La terapia ortodontico-chirurgica · Ortodonzia versus terapia ortodontico-chirurgica · Pazienti borderline · Il camouflage · Diagnosi e piano di trattamento · Tipi di interventi chirurgici · Mascellare superiore · Mandibola · Combinati · Trattamento delle discrepanze scheletriche di II e III Classe · Trattamento delle discrepanze verticali · Trattamento delle asimmetrie facciali · La distrazione osteogenetica · Parte pratica: Pianificazione ortodontico-chirurgica di un caso clinico. V° Incontro (Terapia ortodontica linguale) 17-18/09/2007 Estetica in Ortodonzia · Estetica del volto · Estetica dentale · Apparecchiature ortodontiche estetiche Introduzione all’ortodonzia linguale § Storia dell’ortodonzia linguale § Fujita: nascita della tecnica linguale (1978) § Ormco Task Force (‘80) § Sistemi di applicazione indiretta dei brackets linguali Diagnostica in ortodonzia linguale · Records · Piano di trattamento · Scelta tra apparecchiature linguali 2D e 3D Biomeccanica Ortodontica: vestibolare vs linguale · Localizzazione dei centri di resistenza · Controllo dell’intrusione · Controllo dell’estrusione · Controllo delle rotazioni · Controllo dei tippings · Controllo del torque · Livellamento curva di Spee Brackets Linguali Principi e meccanica dei brackets linguali § Brackets linguali 2D § Brackets linguali 3D § Vantaggi e svantaggi clinici Il bracket linguale 2D § Easy Lingual orthodontics § Principi ed applicazioni cliniche § Apertura e chiusura dei brackets 2D § Indicazioni § Casistica Clinical Bonding Parte pratica: Direct bonding dei brackets linguali 2D sul typodont. Meccanica degli archi linguali Titanolâ § Come scegliere la curvatura degli archi linguali § Pieghe di 1° ordine § Pieghe addizionali § Uso del Memory Maker Parte pratica: Realizzazione ed inserimento degli archi linguali Titanol su typodont. CURRICULUM VITAE Dr. Vittorio Cacciafesta Il Dr. Vittorio Cacciafesta si è laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Dal 1995 al 1996 è stato Research Fellow presso il Department of Orthodontics, Humboldt University di Berlino, Germania. Nel 1999 si è specializzato in Ortognatodonzia presso il Department of Orthodontics, Royal Dental College, Aarhus University, Danimarca, dove ha anche conseguito il Master of Science in Orthodontics. E’ Dottore di Ricerca in Biotecnologie dei Materiali Dentari. Dal 1999 è stato Assistant Clinical Professor presso il Department of Orthodontics, University of Aarhus, Danimarca, e Professore a Contratto presso la Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia, Università degli Studi di Pavia. Ha pubblicato oltre 100 articoli su riviste nazionali ed internazionali. E’ Co-Editor della rivista Ortodonzia Clinica ed Associate Editor della rivista Progress in Orthodontics. E’ attualmente Referee delle seguenti riviste: American Journal of Orthodontics and Dentofacial Orthopedics, Angle Orthodontist, European Journal of Orthodontics, Orthodontics and Craniofacial Research, Ortognatodonzia Italiana. E’ stato Assistant Secretary della FEO (European Federation of Orthodontics) per il biennio 2003-2004. E’ socio ordinario SIDO (Società Italiana di Ortodonzia) e Segretario culturale per il biennio 2006-2007, membro attivo dell’Angle Society (North Atlantic Component), membro EOS (European Orthodontic Society), SIBOS (Società Italiana di Biomeccanica e Ortodonzia Segmentata), SIAD (Società Italiana di Arco Dritto), SIOLE (Società Italiana di Ortodonzia Linguale ed Estetica). I suoi principali interessi di ricerca riguardano i sistemi adesivi, i brackets, la metallurgia, l’attrito tra brackets e fili ortodontici. I suoi principali interessi clinici riguardano la biomeccanica, l’ortodonzia linguale, il trattamento ortodontico di adulti, di pazienti parodontopatici, e la gestione ortodontica di pazienti pre-chirurgici. CURRICULUM VITAE Dr. M. Francesca Sfondrini La Dr. M. Francesca Sfondrini si è laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia. Successivamente si è laureata in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso la medesima Università. Nel 1997 ha frequentato lo Short-term Course in Orthodontics presso il Department of Orthodontics, Royal Dental College, Aarhus University, Danimarca. E’ Dottore di Ricerca in Ortognatodonzia Intercettiva, Università degli Studi di Catania. Attualmente è Ricercatore presso il Corso di Laurea di Odontoiatria e Protesi Dentaria, Università degli Studi di Pavia. E’ autrice di numerose pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali, e ha preso parte con contributi personali a numerosi congressi e convegni nazionali ed internazionali. Socio SIOCMF (Società Italiana di Odontoiatria e Chirurgia Maxillo-Facciale), SIOI (Società Italiana di Odontoiatria Infantile), SIAD (Società Italiana di Arco Dritto), SIBOS (Società Italiana di Biomeccanica e Ortodonzia Segmentata), socio ordinario SIDO (Società Italiana di Ortodonzia).

  • Dr. Vittorio Cacciafesta, Dr. M. Francesca Sfondrini
  • corso
  • Ancona (an)
  • Inizio: 2007-02-16 00:00:00 - Fine: 2007-09-18 00:00:00
  • Telefono: 07157794 | Fax: dentalcampus@libero.it

CORSO BASE DI ORTODONZIA

Fornire ai partecipanti le nozioni base dell’ortodonzia per avvicinarsi a questa disciplina e cominciare a trattare i primi casi. Illustrare in modo esaustivo le attuali sequenze terapeutiche nelle diverse malocclusioni e in età differente, partendo da un’accurata diagnosi e piano di trattamento. Oltre alla teoria, ampio spazio verrà dato alle esercitazioni pratiche in cui i partecipanti potranno mettere in atto con le proprie mani quanto appreso durante le lezioni teoriche. I Incontro (Diagnosi e pianificazione del trattamento) 16-17/02/2007 Introduzione e Storia dell’Ortodonzia Periodo della dentizione decidua Periodo della dentizione mista Periodo della dentizione permanente Esame clinico · Anamnesi · Compilazione della cartella ortodontica · Analisi estetica · Esame del parodonto · Presa delle impronte, registrazione del morso in cera e sviluppo dei modelli in gesso. · La fotografia in ortodonzia: foto extraorali ed intraorali. · Analisi radiologica in ortodonzia: panoramica, endorali, teleradiografia latero-laterale, postero-anteriore, assiale, radiografia carpale. · Indagini supplementari: TAC, RMN, elettromiografia. Analisi cefalometrica · Anatomia radiografica: punti e strutture anatomiche sulla teleradiografia L-L. · Analisi cefalometriche più rilevanti (Tweed, Steiner, Ricketts, etc.). · Metodi di sovrapposizione. Diagnosi e pianificazione del trattamento · Valutazione del pattern scheletrico · Discrepanze dento-scheletriche, dento-basali e dento-alveolari. · Analisi dello spazio in dentatura mista e permanente. · Problem list · Pianificazione del trattamento · Parte pratica: analisi cefalometrica, problem list e pianificazione del trattamento di un caso. II Incontro (Terapia intercettiva delle discrepanze trasversali e malocclusioni di II Classe) 23-24 Marzo 2007 Terapia intercettiva delle discrepanze scheletriche · Discrepanze trasversali: · Disgiuntore rapido del palato – su bande e in acrilico · Quad Helix convenzionale –Quad Helix Ni-Ti · Transpalatal arch (TPA), con e senza estensioni · Placche in resina Ausiliari: · Transpalatal arch (TPA), con e senza Coffin loop. · Arco linguale - Uso passivo (ancoraggio) - Uso attivo (simmetrico ed asimmetrico): espansione/contrazione, rotazione, torque, distalizzazione, attivazioni combinate. · Parte pratica: fabbricazione di un Quad Helix e di un TPA. Esercizi al typodont. · Discrepanze sagittali: Terapia delle malocclusioni di II Classe: · TEO – TEO tipo Cervera · Attivatori · Monoblocco - Ergenzinger · Bass - Maxillator · Fränkel · Bionator · Teuscher · Twin Blocks · Saltamorso di Sander · Discrepanze verticali: Terapia del deep bite : · Placca Cervera · Doppio bite · TEO tipo Cervera · Attivatori Terapia dell’ open bite: · Griglie · Placche in resina · Attivatori · Bite blocks · Parte pratica: Fabbricazione ed inserimento di una TEO. Esercizi al typodont. Discussione casi clinici dei partecipanti III Incontro (Terapia intercettiva delle malocclusioni di II Classe – 2° parte) 28-29 Maggio 2006 Trattamento intercettivo delle asimmetrie scheletriche Terapia ortopedica delle II Classi in soggetti a fine crescita · Cerniera di Herbst · Jasper Jumper e similari Sistemi di distalizzazione dei molari mascellari · Wilson, Jones Jig, magneti repellenti, open coils, fili Ni-Ti, Pendulum, Distal Jet, First Class, Fast Back, Vite Veltri, Distal8: vantaggi e svantaggi di ciascun sistema nella pratica clinica. Recupero dello spazio · Lip bumper Puntatura e saldatura Parte pratica: Esercizi di puntatura e saldatura. Fabbricazione ed inserimento di un lip bumper. Esercizi al typodont. Discussione casi clinici dei partecipanti IV Incontro (Terapia intercettiva delle malocclusioni di III Classe e biomeccanica) 13-14 Luglio 2007 Terapia delle III Classi: Splint in acrilico di III Classe · Maschera facciale · Fränkel – Bionator di III Classe · Mentoniera I movimenti dentari · Risposta biologica dei tessuti parodontali a forze ortodontiche · Tipping controllato, incontrollato, traslazione, torque, rotazione, intrusione, estrusione, uprighting. · Concetti basilari di biomeccanica: forze, momenti, centro di resistenza, centro di rotazione, coppie, rapporto M/F al racket ed al CR. · Unità attive e reattive · Sistemi staticamente determinati ed indeterminati · Sistemi coerenti ed incoerenti · Le sei geometrie di Burstone: principi ed applicazioni cliniche Metallurgia · Proprietà biomeccaniche dei fili ortodontici: rigidità, spring-back, resilienza, joinability, modellabilità, estetica, biocompatibilità · Il cromo-cobalto · L’acciaio · Il TMA · Il Nickel-Titanio · Memoria di forma, pseudoelasticità, superelasticità, termoelasticità · Il Memory Maker · La frizione tra filo ortodontico e slot · Meccaniche frizionanti e non frizionanti · Parte pratica: Esercizi di piegatura con differenti leghe. Come piegare i fili in Ni-Ti. V Incontro (Terapia ortodontica multibracket) 17-18 Settembre 2007 Merceologia ortodontica Bandaggio · Bande e tubi · La separazione · La cementazione · Indicazioni · Controindicazioni · Procedura clinica Bonding · Tipi di brackets · Tipi di adesivi ortodontici · La fotopolimerizzazione · Il bonding indiretto · Indicazioni · Controindicazioni · Procedura clinica · Parte pratica: Bonding diretto di brackets su typodont Fondamenti di terapia fissa · allineamento iniziale: sequenza degli archi · Lace-backs, bend-backs · Parte pratica: Lace-backs, bend-backs Correzione del morso profondo La chiusura degli spazi estrattivi · Meccaniche frizionanti e non frizionanti Il controllo del Torque Il finishing La contenzione

  • Dr. M. Francesca Sfondrini, Dr. Vittorio Cacciafesta
  • corso
  • Ancona (an)
  • Inizio: 2007-02-16 00:00:00 - Fine: 2007-09-18 00:00:00
  • Telefono: 07157794 | Fax: dentalcampus@libero.it

Le disfunzioni della ATM e del Sistema Cranio Mandibolare

Il pensiero gnatologico in questi anni e’ in forte evoluzione: da un concetto statico e meccanicistico incentrato prevalentemente sulla occlusione si sta passando a una valutazione piu’ completa in cui la dinamica e l’ equilibrio assumono sempre piu’ importanza. E analogamente le disfunzioni della ATM vanno valutate come fenomeno fisiopatogico che interessa l’ organismo nella sua completezza. Viene cosi’ rivalutata la gnatologia come scienza medica e vengono ampliati gli orizzonti di intervento. Il bite assume una rilevanza diagnostica, prima ancora che terapeutica, essenziale non solo nella risoluzione intrasistemica stomatologica, ma anche nella ricerca di un miglioramento dell’ equilibrio e nel bilanciamento armonico generale. Scopo del corso e’ quello di prendere in considerazione alcuni tipi di bite sia per quanto riguarda l’ aspetto diagnostico che quello terapeutico e di valutarne i vari usi. Verranno eseguite anche delle esercitazioni pratiche e contemporaneamente verra’ svolto da Odt. Specchi Daniele un corso per tecnici in modo da completare la informazione tecnico scientifica per permettere agli stagisti una immediata applicazione nel proprio studio.

  • Dr.Bruno Portelli
  • corso
  • Castellferretti (an)
  • Inizio: 2006-05-26 00:00:00 - Fine: 2006-05-27 00:00:00
  • Telefono: 07157794 | Fax: dentalcampus@libero.it

CORSO BASE DI ORTODONZIA

CURRICULUM DI BOMBARDELLI MARINA Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Pavia nel 1982. Specializzata in Odontostomatologia, Università di Pavia, nel 1985. Specializzata IN Ortognatodonzia e Funzione Masticatoria, nel 1997 presso la II Facoltà di Medicina e Chirurgia, sede di Varese. Professore a Contratto presso l’Università dell’Insubria dell’anno 2000 fino ad oggi. Socia S.I.D.O. dal 1985. Ha partecipato a numerosi corsi sia tenuti dall’Università, che dalla società di ortodonzia. Frequenta la clinica Odontostomatologica e Ortognatodontica dell’Università dell’Insubria dal 1993. CURRICULUM VITAE DR. OSTINELLI ENRICO Laureato in medicina e chirurgia a Pavia nel 1980,tirocinio ospedaliero post Laurea presso l’Ospedale di circolo di Varese nel 1981, specializzato in Odontoiatria a Milano nel 1985 specializzato in Ortognatodonzia a Varese nel 1996, cultore della materia Odontoiatrica dal 1986 presso la Facoltà di Medina e Chirurgia di Pavia, sede di Varese, professore a contratto in Clinica Odontostomatologica, presso la stessa Università dal 1990 al 1996, professore a contratto presso la Scuola di Specialità in Ortognatodonzia dal 1996 al 2001. Socio ordinario S.I.D.O. dal 1985. Autore di circa 75 pubblicazioni per lo più inerenti all’Ortodonzia. Svolge la sua attività presso il proprio studio, occupandosi esclusivamente di Ortodontia. Obbiettivi del CORSO BASE DI ORTODONZIA Il corso si svolgerà per un periodo di 4 Incontri di due giorni ciascuno L’obbiettivo è di fornire ai partecipanti le nozioni di base per poter avvicinarsi ai trattamenti ortodontici con cognizione di causa e con la parte pratica, dare modo ai frequentatori di mettere in opera le nozioni acquisite. I Incontro (diagnosi e pianificazione del trattamento) 23-24 GIUGNO 2006 Introduzione al corso, breve storia dell’ ortodonzia I° visita del paziente: - Controllo odontoiatrico generale (igiene orale, parodonto, denti mancanti, inclusi o trasposti) - Controllo situazione obbiettiva ortodontica (analisi estetica, controllo frenuli). -Radiografie: Ortopantomografia, Teleradiografia (in tutte le sue proiezioni), Radiografia del Carpo ed eventuali radiografie endo-orali. -Presa delle impronte, registrazione del morso in cera e costruzione dei modelli museo. -Necessità di eventuali esami supplementari, TAC elettromiografia ecc. - La fotografia in ortodontia - Abitudini viziate Valutazione degli esami radiografici effettuati -Analisi cefalometrica (Ricketts , Giannì, Tweed etc.) -Tracciati cefalometrici delle vie aeree e loro analisi -Lettura del tracciato cefalometrico con diagnosi di crescita scheletrica Valutazione dei modelli - Definizione classe dentale - Analisi delle discrepanze dento-dentali, dento-alveolari, controllo degli spazi Composizione della diagnosi Ortodontica Parte Pratica: presa delle impronte, confezione dei modelli, esecuzione di una analisi cefalometrica e lettura del tracciato ottenuto. II Incontro: pazienti in crescita 15-16 SETTEMBRE 2006 Terapia delle I° classi scheletriche -Terapia delle discrepanze dentali, trasversali nei pazienti in crescita (Lip-bumper, Quad helix, Disgiuntore, Barra Transpalatale). -Terapia delle discrepanze verticali. -Descrizione delle varie apparecchiature disponibili, caratteristiche e funzionamento Terapia delle II° classi scheletriche -Descrizione degli attivatori, differenze di utilizzo e risultati ottenibili (Saltamorso, Monoblocco, Frankel, Bionator, Bass, etc). - Mioterapia -TEO standard o tipo Cervera -Terapia delle discrepanze verticali ( Griglie, Dissuasori, Condolino di Sander) -Terapia dei pazienti border line, quasi a fine crescita (Cerniera di Herbst, Jasper Jumper.) Terapia delle III° classi scheletriche -Placche di Falconi -Maschera di Delaire Parte pratica: Costruzione di un lip-bumper, di una barra-trans palatale e di un quad helix, scelta e inserimento di una TEO, applicazione della forza di trazione e sua direzione. III° Incontro Terapia ortodontia con apparecchiature fisse 20-21 OTTOBRE 2006 Merceologia delle apparecchiature: - Descrizione dei vari tipi di fili ortodontici e loro proprietà ( acciaio, TMA, Nickel-titanio) - Bande e Brackets: scelta delle bande e dei brackets, cementazione, bonding. Biomeccanica di base - forze, momenti, centro di resistenza, coppie Metodo di applicazione di una apparecchiatura fissa. - fasi del trattamento - Sequenza degli archi da usare. Uso delle apparecchiature ausiliarie secondo la classe dentale - Gig - Tecniche di Intrusione - Power arm - Distalizzatori monoarcata di vario genere - Arco di utilità Parte pratica: applicazione di una apparecchiatura fissa, costruzione degli ausiliari e loro applicazione in bocca, come piegare i fili in Ni-Ti, uso del Memory Maker. IV° Incontro 24-25 NOVEMBRE 2006 Terapia Ortodontica dell’adulto - Diverso approccio diagnostico: quando le estrazioni - Uprighting dei molari - Ortodonzia preprotesica - Ortodonzia prechirurgica Disinclusione canini -tecniche per portare l’elemento in arcata Trasposizioni dentali - Eziologia, diagnosi, compromessi terapeutici Contenzione Ortodonzia linguale - Storia delle apparecchiature - Merceologia - Trattamento di casi semplici - Utilizzo di apparecchiature invisibili altenative Parte pratica: Applicazione di una apparecchiatura linguale semplice e uso dei fili a memoria di forma Al termine di ogni incontro o giornata i relatori sono a disposizione per eventuali approfondimenti Organizzazione S.M. DENTAL CAMPUS di Sanguigni Marco Via Salvolini 3 Tel 07157794

  • Prof.BOMBARDELLI MARINA DR. OSTINELLI ENRICO
  • corso
  • Ancona (an)
  • Inizio: 2006-06-23 00:00:00 - Fine: 2006-11-25 00:00:00
  • Telefono: 07157794 | Fax: dentalcampus@libero.it

CORSO AVANZATO DI ORTODONZIA

Organizzazione S.M. DENTAL CAMPUS di Sanguigni Marco Via Salvolini 3 Tel 07157794 Obiettivi del Corso Fornire ai partecipanti le tecniche cliniche specialistiche dell’ortodonzia per trattare casi interdisciplinari complessi. Illustrare in modo esaustivo le attuali sequenze terapeutiche nelle diverse malocclusioni ed i rapporti con parodontologia, implantologia, protesi, conservativa e chirurgia maxillo-facciale. Oltre alla teoria, ampio spazio verrà dato alle esercitazioni pratiche in cui i partecipanti potranno mettere in atto con le proprie mani quanto appreso durante le lezioni teoriche. I° Incontro (Correzione dell’OVB e chiusura degli spazi) 10-11 Febbraio 2006 Terapia ortodontica fissa con tecnica segmentata • La segmentazione delle arcate • L’ancoraggio • L’impiego delle anse in ortodonzia. • Correzione del morso profondo secondo la tecnica segmentata: • Arco di base, arco di utilità, leve. Scelta del punto di applicazione della forza. Principi biomeccanici ed applicazioni cliniche • Parte pratica: Fabbricazione di anse, archi di utilità, leve su typodont. Chiusura degli spazi post-estrattivi: • Sistemi frizionanti, non-frizionanti, T-loops, PG springs, power arms e sentalloy springs. Retrazione canina ed en masse. Meccaniche linguali, sistemi a cerniera secondo Fontenelle. Principi biomeccanici ed applicazioni cliniche. • Parte pratica: Fabbricazione di power arms su typodont. Correzione del torque secondo la tecnica segmentata • Parte pratica: Fabbricazione di archi da torque su typodont. Correzione delle linee mediane secondo la tecnica segmentata Correzione delle asimmetrie dentali secondo la tecnica segmentata Discussione casi clinici dei partecipanti II° Incontro (Terapia ortodontico-chirurgica dei denti inclusi e trasposti) 24-25 Marzo 2006 Le inclusioni dentarie • Definizione • Epidemiologia • Eziologia • Diagnosi • Esame clinico • Esami radiografici • Terapia chirurgica • Terapia ortodontica Inclusione dei canini mascellari • Inclusione vestibolare • Inclusione palatale Inclusione dei centrali mascellari Inclusione dei canini mandibolari Inclusione dei premolari Inclusione dei molari Parte pratica: Fabbricazione di leve per il recupero di denti inclusi su typodont. Le trasposizioni • Definizione • Epidemiologia • Eziologia • Diagnosi • Esame clinico • Esami radiografici • Terapia ortodontica Discussione casi clinici dei partecipanti III° Incontro (Terapia ortodontica dell’adulto) 28-29 Aprile 2006 Il trattamento ortodontico di pazienti adulti • La risposta biologica del paziente adulto • Estetica del gruppo frontale superiore • Il piano di trattamento multidisciplinare Rapporti tra ortodonzia e parodontologia • Nozioni di anatomia del tessuto parodontale profondo e superficiale • Concetti di biomeccanica applicata ai pazienti parodontali • Aspetti moderni della profilassi nel paziente ortodontico parodontale • Obiettivi del trattamento ortodontico nel paziente parodontale: indicazioni e limiti • Considerazioni muco-gengivali • L’importanza dell’ancoraggio • Trattamento ortodontico dei pazienti adulti con grave compromissione parodontale: • sistemi di rinforzo dell’ancoraggio (iron-cross, legatura zigomatica, impianti osteointegrati, miniviti) • programmazione biomeccanica • Tecniche di stabilizzazione Parte pratica: Fabbricazione ed inserimento di un lip bumper. Esercizi al typodont. Discussione casi clinici dei partecipanti IV° Incontro (Terapia ortodontico-chirurgica) 14-15 Luglio 2006 La terapia ortodontico-chirurgica • Ortodonzia versus terapia ortodontico-chirurgica • Pazienti borderline • Il camouflage • Diagnosi e piano di trattamento • Tipi di interventi chirurgici • Mascellare superiore • Mandibola • Combinati • Trattamento delle discrepanze scheletriche di II e III Classe • Trattamento delle discrepanze verticali • Trattamento delle asimmetrie facciali • La distrazione osteogenetica • Parte pratica: Pianificazione ortodontico-chirurgica di casi clinici. Discussione casi clinici dei partecipanti V° Incontro (Terapia ortodontica linguale) 27-28 Ottobre 2006 Estetica in Ortodonzia • Estetica del volto • Estetica dentale • Apparecchiature ortodontiche estetiche Introduzione all’ortodonzia linguale ? Storia dell’ortodonzia linguale ? Fujita: nascita della tecnica linguale (1978) ? Ormco Task Force (‘80) ? Sistemi di applicazione indiretta dei brackets linguali Diagnostica in ortodonzia linguale • Records • Piano di trattamento • Scelta tra apparecchiature linguali 2D e 3D Biomeccanica Ortodontica: vestibolare vs linguale • Localizzazione dei centri di resistenza • Controllo dell’intrusione • Controllo dell’estrusione • Controllo delle rotazioni • Controllo dei tippings • Controllo del torque • Livellamento curva di Spee Brackets Linguali Principi e meccanica dei brackets linguali ? Brackets linguali 2D ? Brackets linguali 3D ? Vantaggi e svantaggi clinici Il bracket linguale 2D ? Easy Lingual orthodontics ? Principi ed applicazioni cliniche ? Apertura e chiusura dei brackets 2D ? Indicazioni ? Casistica Clinical Bonding Parte pratica: Direct bonding dei brackets linguali 2D sul typodont. Meccanica degli archi linguali Titanol? ? Come scegliere la curvatura degli archi linguali ? Pieghe di 1° ordine ? Pieghe addizionali ? Uso del Memory Maker Parte pratica: Realizzazione ed inserimento degli archi linguali Titanol su typodont.

  • Dr. Vittorio Cacciafesta, Dr. M. Francesca Sfondrini Università degli Studi di Pavia.
  • corso
  • Ancona (an)
  • Inizio: 2006-02-10 00:00:00 - Fine: 2006-10-27 00:00:00
  • Telefono: 07157794 | Fax: dentalcampus@libero.it